AutoreLuigi Cigliano

Attenzione all’SMS: Ciao ho provato a chiamarti, richiamami al numero 893

Nella giornata di ieri ho ricevuto uno strano SMS da un numero di rete mobile (+39 350 938xxxx, oscuro le ultime 4 cifre per evitare problemi di privacy) che asseriva quanto segue:

“Ciao ho provato a chiamarti, richiamami al numero 893xxxxx baci”
(anche in questo caso oscuro il recapito completo).

Un numero anonimo alla mia rubrica che, stranamente, invece di chiedere semplicemente di essere ricontattato, invitava a effettuare un differente strana numerazione.
Oltre alle possibili scenate di gelosia di fidanzate o mogli, tale messaggio nascondeva un’altra ben più subdola insidia. La numerazione che mi è stata chiesta di ricontattare infatti è facilmente riconoscibile dal prefisso in quelle a tariffazione speciale.

Continua a leggere…

Importante restyling per lo store online di Apple

L’Apple Store è rimasto misteriosamente inattivo per circa un’ora nella giornata di ieri, per poi riemergere online con un nuovo look e un nuovo tab dedicato sul top menu del sito.

Nella parte alta dello store, troviamo i link con le immagini alle principali linee di prodotti Apple (Mac, iPhone, AirPods, ecc.). Alcuni di questi collegamenti portano a nuove pagine del negozio dedicate all’approfondimento dei prodotti mostrando i differenti modelli disponibili, risorse come guide allo shopping, accessori e supporto. Nella pagina principale dello Store, troviamo anche una sezione relativa alle novità, collegamenti alle pagine di supporto e altro ancora.

Il nuovo design è caratterizzato da un mosaico di card e richiama in qualche modo l’app Store di Apple per iOS. Sembra mobile-first con uno scorrimento orizzontale fluido tra le schede sul telefono, un design che sul desktop, in assenza di supporto touch, richiede il click su delle frecce laterali ma comunque agevole nell’usabilità tramite il Trackpad dei MacBook o il Magic Trackpad.

Continua a leggere…

MagSafe Battery Pack: ufficiale la ricarica inversa di iPhone 12

In sordina, Apple ha inaspettatamente rilasciato il MagSafe Battery Pack. Rispetto allo Smart Battery Case disponibile per le precedenti generazioni di iPhone, ora si perde la funzione di cover lasciando spazio esclusivamente batteria che si aggancia magneticamente allo smartphone grazie alla connessione MagSafe.
Questo nuovo accessorio non compromette comunque l’utilizzo di una custodia, anche non originale, purchè sia ​​compatibile con lo standard MagSafe.

La capacità della batteria è di 1.460 mAh, una quantità di energia sufficiente a ricaricare di oltre la metà i 2.815 mAh di autonomia di un iPhone 12.
Agganciando magneticamente il Battery Pack allo smartphone, la ricarica si avvierà alla potenza di 5W ma per una ricarica ancora più veloce, è possibile usare il MagSafe Battery Pack insieme a un alimentatore da 27W o superiore, come quelli in dotazione con i MacBook. Collegando invece un cavo Lightning, si potrà utilizzarlo come caricabatterie wireless e avere fino a 15W di potenza.

Continua a leggere…

La ricarica wireless inversa potrebbe finalmente arrivare su iPhone 13

Il leaker Max Weinbach e lo YouTuber del canale EverythingApplePro Filip Koroy, hanno diffuso nuove informazioni sull’ipotetico prossimo iPhone 13. Weinbach aveva già affermato in precedenza che gli iPhone del 2021 sarebbero stati dotati di magneti Mag più potenti ma ora incalza asserendo che rispetto alla gamma attuale, i nuovi smartphone avranno anche una bobina di ricarica wireless più grande.

MagSafe è una tecnologia magnetica per connettere l’iPhone 12 a diversi accessori, principalmente il caricabatterie wireless ed il porta carte di credito. Tuttavia negli ultimi tempi alcuni utenti erano lamentati del fatto che MagSafe non è abbastanza forte da contenere gli accessori incollati in maniera sicura, spingendo presumibilmente Apple ad adottare in futuro dei magneti più potenti.

Continua a leggere…

File log sincronizzazioni: Errore durante la sincronizzazione

Come risolvere in Microsoft Outlook il problema “File log sincronizzazioni: Errore durante la sincronizzazione della cartella”, da PC Windows 10 o computer macOS.

Nonostante il continuo miglioramento delle applicazioni di webmail, in molti ancora preferiscono ricorrere ai classici client di posta elettronica. Questi infatti danno la possibilità di gestire regole e cartelle per più caselle contemporaneamente, anche con indirizzi di posta elettronica provenienti da provider diversi. Il più diffuso di tutti i tempi è sicuramente Microsoft Outlook, probabilmente il client più completo non solo per sistemi Windows ma anche su macchine dotate di macOS.

Come tutti i software di questo mondo, talvolta è possibile incorrere in piccoli problemi e conflitti con altre applicazioni in uso.
Se stai ricevendo continue email con il seguente messaggio di errore, calma e sangue freddo.
Il problema può essere semplicemente collegato ad un processo bloccato di Outlook che va a compromettere la corretta sincronizzazione IMAP delle cartelle associate all’account in questione.

Continua a leggere…

© 2022 Maccanismi

UN BLOG DI LUIGI CIGLIANOSu ↑