Come risolvere il noto problema della password errata di Gmail su Microsoft Outlook 2007, Live Mail, Mozilla Thunderbird, Apple Mail e tutti gli altri client di posta ormai ritenuti poco sicuri in quanto non aggiornati alle ultime patch di sicurezza.

La scorsa settimana è capitato che svariati colleghi abbiano lamentato errori di accesso alla propria casella di posta elettronica.
Con diversi clienti email, nonostante la password sia stata digitata più volte correttamente, continuava a risultare il messaggio di password errata. Cosa ancor più strana è che, nonostante il reset delle password il problema persisteva non solo su vecchi computer con Windows 7 ma anche su datato iMac con non so quale versione di OS X che non veniva acceso da molto tempo.
Ricapitolando, diversi client di posta, diversi sistemi operativi ma stessa tipologia di errore con lo stesso fornitore del servizio: Gmail.

Da circa tre anni, in azienda siamo felicissimi utenti G Suite. Da quando ho migrando tutti i reparti sul servizio di posta elettronica di Google ho risolto gran parte dei miei problemi di gestione e sicurezza.
La continua attenzione alla protezione dei dati ha costretto Gmail ad inibire l’accesso da sistemi obsoleti.

L’origine del problema

Un’applicazione non aggiornata potrebbe presentare falle o protocolli non conformi ai nuovi standard di sicurezza e quindi Google potrebbe impedire ogni accesso tramite questa. In altre parole, le app meno sicure possono facilitare l’accesso degli hacker ai nostri account, quindi per tutelare la nostra privacy vengono bloccati gli accessi provenienti da questi software.

Tuttavia, come nel mio caso, in alcuni ambienti lavorativi sia per questioni di licenze software, sia per questini operative, ci si ritrova impossibilitati a variare tipo di client. In situazione come queste, a patto di accettare i relativi compromessi in termini sicurezza, è possibile aggirare il problema abilitando l’accesso alle applicazioni meno sicure e cambiando la configurazione dei server IMAP ed SMTP sul client.
Vediamo come fare.

Come abilitare le app meno sicure da Gmail

Come prima cosa dovremo disattivare le impostazioni di sicurezza accedendo alla webmail di Gmail.

  • Dal sito di Gmail entraiamo nelle Impostazioni dell’account cliccando sull’icona dell’ingranaggio posta in alto a destra.
  • Entriamo nella sezione Account e importazione e sotto la voce Modifica impostazioni account clicchiamo su Altre impostazioni dell’Account.
  • Dal menu a sinistra scegliamo la voce Sicurezza e scorriamo la schermata fino a trovare il riquadro Accesso app meno sicure.
  • Da qui potremo abilitare o disabilitare l’accesso a questo genere di applicazioni.
Google Account - Accesso app meno sicure

Attivato l’accesso alle app meno sicure, dovremmo andare a ritoccare i settaggi di accesso all’account dal client email.

  • SERVER IMAP: imap.googlemail.com
    SSL attivo sulla porta 993
  • SERVER SMTP: smtp.googlemail.com
    SSL attivo sulla porta 465
    Autenticazione attiva per la posta in uscita

Fatto questo tutto dovrebbe tornare a funzionare correttamente. In caso contrario, come ultima spiaggia per Microsoft Outlook, Google mette a nostra disposizione un piccolo tool denominato GSSMO (G Suite Sync for Microsoft Outlook). Tale software permette agli utenti di importare email, contatti personali ed eventi del calendario con il clienti di posta Microsoft da un account G Suite.