Anno2011

Come disattivare l’apertura di iTunes e iPhoto quando si connette l’iPhone al computer

Di default, ogni qual volta colleghiamo il nostro iPhone al computer, si avvia automaticamente iTunes per la sincronizzazione dello smartphone e, se presenti delle fotografie nell’album, parte automaticamente anche iPhoto per l’acquisizione di quest’ultime.
Chi collega spesso l’iPhone al mac può trovare decisamente più comodo avviare queste procedure manualmente una volta ogni tanto, evitando così di perder tempo con l’apertura inutile di queste applicazioni.
Vediamo quindi come rimuovere dalle opzioni dei rispettivi programmi il loro avvio automatico.Da iTunes, dopo aver collegato lo smartphone, sotto la categoria dispositivi sulla sinistra, clicchiamo sul nome del nostro iPhone e dalla pagina del sommario nelle opzioni andiamo a spuntare la voce “Apri iTunes quando iPhone è collegato”.Per rimuovere l’apertura di iPhoto invece, dobbiamo aprire l’applicazione Acquisizione Immagine presente nella cartella delle nostre app.
Continua a leggere

Come copiare su iPad o iPhone file pdf doc txt xls avi o di qualsiasi altro tipo

Copiare, spostare o inviare qualsiasi tipo di file pdf, office, word, excel, powerpoint o qualsiasi tipo di foto o video, ad un iPad, iPhone, iPod con dropbox è davvero semplicissimo.
Può facilmente capitare di voler leggere un pdf sul comodo schermo del nostro iPad, comodamente seduti sulla nostra poltrona di casa.
Molti mi hanno chiesto come copiare velocemente i propri file word di lavoro per tenerli sempre a portata di mano sui propri dispositivi.
Per tutte questo genere di esigenze, eccovi questa semplice guida.
Sono sicuro vi tornerà utilissima.

Come condividere file tra mac, windows, iphone, ipod e ipad con Dropbox

Naturale e semplice come utilizzare una normale cartella, Dropbox ci permette di tenere una copia di qualsiasi file ovunque vogliamo, fino ad un massimo di 2 giga byte totali con la versione free.
Una volta aver installato il piccolo client e creato un account, tutto quello di cui abbiamo bisogno è di una normale connessione internet. Basterà infatti copiare tutti i file che ci interessano nell’apposita directory del programma e questa si sincronizzerà con tutti i nostri dispositivi.
Oltre all’immediatezza, il suo punto di forza principale rispetto alle alternative simili della concorrenza è il suo software assolutamente multi piattaforma, disponibile per tutti i principali sistemi operativi compresi quindi Windows e Linux.
Continua a leggere

Come cambiare le icone delle cartelle di Mac OS X

Personalizzare le icone delle cartelle di OS X è un operazione veramente molto rapida. Clicchiamo con il tasto destro del mouse (o tasto sinistro + ctrl) sulla cartella interessata, dunque clicchiamo su Ottieni informazioni.
A questo punto dalla schermata delle informazioni, clicchiamo sull’icona della cartella in alto a sinistra in modo da evidenziarla.
Ora per modificare l’icona è sufficiente un semplicissimo copia e incolla.
Con la combinazione di tasti cmd + c, andiamo a copiare il file .ico che abbiamo scelto e premendo i tasti cmd + v incolliamolo nella precedente schermata, ed il gioco è fatto!
Possiamo scegliere anche altri formati d’immagine, ma per i file .jpeg e .png dovremo prima aprire quest’ultimi, ad esempio con anteprima, e successivamente selezionare e copiare l’intera immagine o una sua singola parte che intendiamo utilizzare come icona.Per ripristinare l’icona standard delle cartelle, basterà tornare come abbiamo visto prima sulla schermata delle informazioni sulla cartella, evidenziare l’icona e premere la combinazione di tasti cmd + x.

Virus Trojan su OS X Flashback.C: come controllare se si è stati infettati

Un paio di mesi fa un subdolo Trojan chiamato Flashback, mascherato da falso aggiornamento del Flash Player, ha minacciato gli utenti Mac più disattenti.
Apple da sempre sinonimo di sicurezza aveva prontamente aggiornato il suo sistema antimalware integrato, ma a quanto pare come spesso accade con i virus, l’infamone si è evoluto velocemente. La nuova variante C del trojan, stando ad un recente rapporto di F-Secure, sarebbe adesso in grado di disabilitare l’aggiornamento automatico delle definizioni e successivamente di rendere inoffensivo anche l’intero software antimalware di OS X.
Il sistema a questo punto diventerebbe così completamente vulnerabile, scaricando inoltre ad intervalli altro codice malevolo in maniera del tutto inautorizzata.
Continua a leggere

© 2017 Maccanismi

Luigi CiglianoUp ↑